Docente di Tecniche di cucina presso il Master della cucina italiana, Marco Perez da quasi un anno è alla guida di Amistà 33, nel cuore della Valpolicella, uno scrigno che racchiude opere d'arte contemporanea di immenso valore

“Il mio ingrediente preferito? L’Anice stellato, che adoro sin da quando ero bambino!”

La Storia di Marco Perez e la sua Nuova Avventura
Sono cresciuto con due culture molto diverse: un papà napoletano e una mamma dell’Alto Adige e c’è una frase che definisce in pieno le mie radici: “Spaghetti alle vongole a pranzo e Canederli alla sera”, perché queste erano le abitudini quando ero bambino. Sono cresciuto con questi sapori differenti ma a me molto familiari, due culture che mi hanno enormemente influenzato. Oggi mi piace molto combinare la forza dei sapori del mare e la profondità della montagna con uno stile leggero e sentimentale
Amistà 33 è un progetto nato per creare un angolo immerso nel lusso, nell’arte e dove star bene. Per me il lusso non è legato all’avere, al possedere. Oggi come oggi il lusso è avere del tempo da dedicarsi, cercando di vivere in uno spazio immerso nel bello e nel buono. Amistà 33 vuole essere tutto questo, un’esperienza unica da vivere appieno con tutti i sensi: gustare, toccare, ascoltare, vedere, sentire. Qui vogliamo far vivere l’arte e il gusto a 360°. Quando sono arrivato mi ha colpito la quantità di opere d’arte presenti al Byblos Art Hotel, e un po’ alla volta mi sono diventate tutte familiari. Più che dalle singole opere, quello che mi ha ispirato è la sensazione e la vibrazione che vivi nel momento in cui metti piede in questo luogo.
Qui sei avvolto, affascinato, abbagliato da tutta questa espressione d’arte che sicuramente mi ha aiutato a liberare il mio io e sprigionare tutta la mia esperienza raccolta fin d’ora
La sua Filosofia e il suo Futuro
Ho cominciato a insegnare al Master della cucina italiana 3 anni fa grazie ai Fratelli Alajmo. In questi anni ho capito che non c’è modo di esprimere un talento se non si hanno delle basi tecniche. E’ fondamentale oggi insegnare ai ragazzi quali sono i mezzi e quali sono le vie migliori per raggiungere il risultato desiderato. Inoltre, secondo me si può fare cultura con mezzi come i social. La cosa più difficile è indirizzare le persone alla scelta di uno strumento autorevole e credibile, e non è facile perché oggi la tv e internet propongono una vastissima scelta: tanta informazione qualificata ma anche altrettanta discutibile. Internet e media devono educare a fare esperienza, non essere approssimativi e superficiali, ma crearsi un proprio background ed entrare in profondità. Ho tanti progetti futuri. Sicuramente per l’anno prossimo l’obiettivo è quello di consolidare quanto stiamo già facendo ora e, perché no, portare a casa qualche riconoscimento.
*L'intervista è stata realizzata quando lo chef lavorava al Ristorante Byblos Art Hotel
 
 
Il Ristorante
Rifugio AlpinnPlan de Corones 11
39031
Brunico
045 685 5583Lingue: Italiano - Inglese - TedescoAperto: Lunedì - DomenicaOrario: Dalle 9:30 alle 16:30
 
Rifugio AlpinnPlan de Corones 11
39031
Brunico
045 685 5583Lingue: Italiano - Inglese - TedescoAperto: Lunedì - DomenicaOrario: Dalle 9:30 alle 16:30